I dispersi
Alcuni dipinti sono soltanto passati temporaneamente per la Farmacia e lý fotografati negli anni Settanta, anche se trasferimenti successivi ne hanno probabilmente provocato la dispersione: un olio su tavola raffigurante S. Sebastiano, di scuola lombarda (XVI secolo), e una Visitazione (XVII secolo) provenienti da Santa Maria della Pace. Un San Sebastiano seicentesco, un Arresto di Pietro (XVII secolo), una Madonna delle Grazie (XVI secolo) ed una S. Caterina (XVI secolo) sono soltanto descritte nelle schede degli anni Trenta, ma non se ne conoscono riproduzioni fotografiche: altre probabili vittime della dispersione postbellica. Dell'Assunzione di Andrea Malinconico, della Battaglia di Domenico Gargiulo e della Sacra famiglia di Giacomo Farelli, in Farmacia almeno dagli anni '30 e lý fotografati negli anni '80, sappiamo che sono stati trafugati. L'Incoronazione della Vergine, dipinta da Agostino Beltrano nel 1649, Ŕ rientrata da pochi anni agli Incurabili ed Ŕ esposta in Quadreria. Non rispondono invece all'appello i giovani martiri San Lorenzo e Santo Stefano dipinti da G.B. Spinelli per gli Incurabili.
La storia del rapporto tra salute e cittadinanza, leggibile solo attraverso i manufatti ad essi appartenenti, Ŕ parte essenziale della storia della cultura e dell'arte napoletane e soltanto un censimento dell'intero patrimonio sanitario potrÓ aiutare a guarire le ferite di una dispersione che una Farmacia pu˛ solo in parte contenere.